Statua argentea di S. Agata
Le Collezioni

 

Nel Museo diocesano sono confluite opere provenienti in gran parte dal tesoro della Cattedrale e dal Palazzo Vescovile di Gallipoli, ma anche da diverse chiese della città. Tra le opere di straordinaria bellezza si possono ammirare le statue argentee dei compatroni San Sebastiano e Sant’Agata, calici e reliquiari, dipinti e statue in cartapesta, paramenti sacri e oggetti liturgici dei secoli XVI- XVIII e XIX.

Un itinerario di arte e di cultura

 

Un viaggio attraverso i secoli per conoscere ed approfondire la storia, l’arte, le tradizioni della città di Gallipoli, alla scoperta degli incredibili tesori dell'antica Diocesi.

 

Sono esposti dipinti, argenti e gioielli del Tesoro di Sant'Agata, ritratti dei Vescovi, apparati d'altare e vesti cerimoniali del XVIII secolo, campane in bronzo e statue in pietra, cartapesta e legno. Preziosi i due busti in argento fusi a Napoli tra il 1757 ed il 1760 dei compatroni S. Sebastiano e Sant'Agata. Stupefacenti i numerosi reliquari ed il baldacchino in seta del XVII secolo.

 

Il Museo diocesano

 

Il Museo, istituito il 6 febbraio 1983 dal Vescovo Aldo Garzia, è allestito nello storico palazzo dell’ex Seminario vescovile, eretto tra il 1751 e il 1759 dal Vescovo Serafino Branconi. Il complesso museale, restaurato tra il 1999 e il 2004, occupa una superficie di circa 1000 metri quadrati distribuiti su tre piani, con 15 sale espositive.

L‘affascinante viaggio alla scoperta dei tesori d’arte e di storia dell’antica Diocesi di Gallipoli.

Di proprietà della Diocesi di Nardò-Gallipoli,

F. De Mura, Assunta(XVIII sec.)
F. De Mura, Assunta(XVIII sec.)

press to zoom
Refettorio del Seminario
Refettorio del Seminario

press to zoom
A. Flora, Giovanna D'Arco (XX sec.)
A. Flora, Giovanna D'Arco (XX sec.)

press to zoom
F. De Mura, Assunta(XVIII sec.)
F. De Mura, Assunta(XVIII sec.)

press to zoom
1/12